Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

I gradi nel kendo e una loro breve storia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

I gradi nel kendo e una loro breve storia

Messaggio  Raffaele il Gio 8 Ott - 13:18

I gradi nel kendo oggi:
Così come altre arti marziali originate in Giappone, il kendo ha dei gradi per principianti, detti kyu (le cinture colorate del judo e del karate), e dei gradi avanzati, detti dan.
I Kyu sono generalmente classificati partendo da 10° kyu (il grado più basso) e finendo a 1° kyu (il grado subito precedente i dan). I gradi da 10° a 7° sono generalmente associati ai bambini, gli adulti partono da 6°kyu. In giapponese abbiamo: jukyu (10°), kukyu (9°), hachikyu (8°), nanakyu (7°), rokyu (6°), gokyu (5°), yonkyu (4°), sankyu (3°), nikkyu (2°), ikkyu (1°).
I dan invece, partono dal primo (il più basso) e arrivano all’ottavo (il grado più alto). Un tempo esistevano pure il 9° ed il 10°, ma dal 1993 questi gradi non sono più assegnabili. La designazione giapponese sarà: shodan(1°), nidan (2°), sandan(3°), yondan (4°), godan (5°), rokudan (6°), nanadan (7°), hachidan (8°).
Per i gradi fino a secondo kyu, gli esami possono essere svolti internamente ai dojo, da 1° kyu in su è necessaria una commissione d’esame federale.

Una tabellina che indica a spanne le abilità relativa al grado in dan è la seguente:

Shodan – Principiante con solide basi. Tempo minimo dall’ultimo esame 3 mesi. In genere si raggiunge dopo un anno dall’esame di ikkyu. Età minima 14 anni.
Nidan – Kendoka che inizia a capire veramente qualcosa del kendo. Tempo minimo dall’ultimo esame 1 anno. In genere si raggiunge dopo 1-2 anni dall’esame di Shodan.
Sandan – Grado intermedio, in grado di istruire i principianti. Tempo minimo dall’ultimo esame 2 anni. In genere si raggiunge dopo 2-3 anni dall’esame di Nidan.
Yondan – Istruttore junior. Tempo minimo dall’ultimo esame 3 anni. In genere si raggiunge dopo 3-5 anni dall’esame di Sandan.
Godan – Istruttore. Tempo minimo dall’ultimo esame 4 anni. In genere si raggiunge dopo 6-7 anni dall’esame di Yondan.
Rokudan – Istruttore senior. Tempo minimo dall’ultimo esame 5 anni. Talvolta non si raggiunge mai, l’esame è molto difficile.
Nanadan – Maestro istruttore. Tempo minimo dall’ultimo esame 6 anni. In Giappone ce ne sono circa 30.000.
Hachidan – Dio del kendo. E’ considerato uno degli esami più difficili del mondo, ogni anno in Giappone provano l’esame circa 1500 7° dan, la percentuale di successo è dell’ordine dello 0.5%. Tempo minimo dall’ultimo esame 10 anni. Età minima 46 anni. In Giappone ce ne sono circa 600.

Alla classificazione in dan, che sanciscono l’abilità tecnica di un individuo, si affiancano i gradi “shogo”, traducibili come “certificati d’insegnamento”. I gradi shogo sono una riconoscimento dell’impegno alla corretta diffusione e del contributo in generale all’arte (in questo caso il kendo) dell’individuo. Dal più basso al più alto i gradi shogo sono: renshi, kyoshi, hanshi.
Nell’apposita sezione del sito della CIK leggiamo:”Il grado shogo è un riconoscimento della CIK inerente alla qualità della persona, alla sua comprovata capacità di divulgazione del KENDO /IAIDO/ JODO in Italia secondo la Dottrina e i Principi del Kendo Rinen.”
Ovviamente poiché solo i dan di grado più elevato sono da considerarsi maestri/insegnanti, la qualifica shogo è sottoposta, tra le altre cose, ad un livello minimo che è 6° dan per renshi, 7° dan per Kyoshi e 8° dan per hanshi, ne consegue che il livello massimo raggiungibile nel kendo/iaido è Hachidan Hanshi.

Riconoscimento dei gradi all’estero.
Il kendo è una disciplina fortemente organizzata, governata a livello globale dalla International Kendo Federation (IKF,la quale è storicamente nata dall’organizzazione giapponese, la Zen- Nippon Kendo Renmei, o più semplicemente ZNKR). Generalmente per ogni nazione si ha una sola organizzazione affiliata (la CIK per l’Italia, dove però agisce un’altra organizzazione nazionale, la FIK, i cui rapporti con la CIK sono alterni e spesso problematici). Lo Iaido è generalmente affiliato o con la IKF/ZNKR o con la Zen-Nippon Iaido Renmei (ZNIR), una “cugina” in ottimi rapporti.
Kendo is strongly organised, with most kendo governed by a single federation in each country receiving direction from the International Kendo Federation (which grew from the Japanese organisation, the Zen- Nippon Kendo Renmei, or ZNKR). Iaido is usually affiliated with either the IKF/ZNKR or the Zen-Nippon Iaido Renmei (ZNIR).
Le organizzazioni affiliate alla IKF saranno responsabili del conferimento dei gradi sul suolo nazionale (per i gradi più elevati le commissioni sono solitamente internazionali con una elevata percentuale nipponica), gradi che ma tutte le altre affiliate sono obbligate a riconoscere.

Un approfondimento sui gradi Shogo:

Renshi – Il termine “shi” in questo caso vuol dire Guerriero o samurai (per approfondire vedi la voce seguente), “ren” vuol dire “studiare”. Renshi in definitiva vorrebbe dire qualcosa come “guerriero/samurai da studiare”. Un aspirante Renshi dovrebbe essere un membro responsabile e dignitoso della società (in particolar modo di quella relativa al kendo, deve dunque essere attivo e partecipe in positivo della stessa). Inoltre, come istruttore, deve possedere una sufficiente conoscenza teorica e pratica. Il titolo di renshi si può cercare di ottenere una volta raggiunto il sesto dan.

Kyoshi – In giapponese questa parola si può scrivere in due modi, con due significati leggermente diversi. Il primo modo è con gli ideogrammi 教師, e vuol dire “insegnante”, da 教 “kyou”che vuol dire insegnare e da 師 “shi”che vuol dire insegnante, esperto o maestro. Il modo che si usa nel kendo invece è 教士, dove il primo carattere, “kyou” è il solito di prima. La differenza è quindi nel secondo, 士 “shi”che così scritto vuol dire guerriero o samurai, è il solito ideogramma che ritroviamo in “bushi”ed ovviamente in Renshi e Hanshi. Kyoshi in definitiva vorrebbe dire qualcosa come “guerriero/samurai insegnante”. I suoi requisiti sono gli stessi di Renshi, in più deve avere una profonda comprensione dei principi del kendo. Il titolo di kyoshi si può cercare di ottenere una volta raggiunto il settimo dan.

Hanshi – Han vuol dire “modello/esempio”, quindi in definitiva vorrebbe “hanshi” dire qualcosa come “guerriero/samurai modello”. Negli intendimenti della ZNKR per modello si intende non solo la tecnica, ma anche la persona e la sua vita. In aggiunta ai requisiti necesssari per kyoshi, la persona in questione dovrebbe essere nobile di carattere e come tale riconosciuta da tutti. Nonostante abbia raggiunto l'ottavo dan, il praticante dovrebbe rifuggere dal ricercare l'apprezzamento altrui e continuare a cercare di migliorare il proprio kendo, senza mai sentirsi "arrivato". Il titolo di hanshi si può cercare di ottenere una volta raggiunto l'ottavo dan. Età minima 54 anni.

Cenni storici:
In tempi antichi, quando kendo e kenjutsu erano sinonimi, l’arte della spada era studiata unicamente presso le antiche scuole di spada, oggi dette Koryu (scuole antiche). Ogni koryu era un’entità legata ad un feudo (han), in grado, in caso di guerra, di combattere come un’unità. Non stupisce che i koryu fossero (sono) entità simili a famiglie allargate, dove il rapporto studente-insegnate era (è) personale e particolare. Ogni koryu aveva (ha) dunque una sua peculiare organizzazione interna, e al posto dei dan, si avevano i certificati di merito. Come tratto comune a tutti tuttavia, iI principianti avrebbero generalmente avuto il certificato di “kirigami”, mentre coloro che fossero riusciti a padroneggiare tutte le tecniche della scuola al massimo avrebbero avuto il “menkyo kaiden”, in genere valido per poter insegnare. Questi certificati sarebbero stati (sono) emessi unicamente dal caposcuola, generalmente detto “soke” (se per linea di sangue).
Ma con l’occidentalizzazione del paese meiji prima, e con la massificazione a scopo educativo delle arti marziali poi, si rese necessaria una standardizzazione dei gradi che superasse le peculiarità dei singoli koryu e che fosse avulsa dal controllo di un soke.
La neonata organizzazione del kendo mutuò quindi il sistema dei Dan dal Judo, organizzando l’apprendimento in kyu e dan. Da notare che fino alla seconda guerra mondiale i dan erano massimo cinque, seguiti dai gradi shogo, il massimo era perciò Godan Hanshi. Alcune organizzazioni, come il Butokukai o la polizia, avevano i loro titoli.
Nel dopoguerra con la sportivizzazione della disciplina voluta per superare il bando americano,la ZNKR mutuò completamente il sistema a 10 dan del judo, pur lasciando i gradi shogo.

Ma attualmente i gradi kudan e judan non sono più assegnabili.
Infatti nel 1999 l’IKF e la ZNKR rividero i principi generali dei gradi nel kendo, in particolar modo, assodato che i regolamenti che descrivevano i requisiti per ottenere il 9° e il 10° dan erano molto nebulosi (i gradi in se erano onorari e senza esami, il candidato avrebbe rifiutato il titolo la prima volta che gli sarebbe stato proposto dicendo di non essere degno, per accetarlo poi in seguito ad una seconda e più insistente offerta), decisero di abolirli e di specificare meglio le caratteristiche dei gradi shogo, giungendo infine alla conclusione che Hachidan Hanshi era tutto quello che un kendoka/iaidoka potesse aspirare a divenire.

P.S. - Tutto quanto scritto sopra è frutto di ricerche amatoriali personali e pertanto qualsiasi correzione/precisazione è la bene accetta!

Tra le fonti utilizzate per reperire le precedenti informazioni vi segnalo le più importanti:
http://www.kendo-sask.com/swordfaq.htm#_Toc422549462
http://www.kendo-cik.it/Italiano/Reg_pdf/esami/Reg_esami_2009.pdf
http://www.kendo-cik.it/Italiano/Reg_pdf/Regol_SHOGO1_072007_.pdf
http://www.kendo-cik.it/Italiano/Reg_pdf/Programma%20esami%20kendo%20da%206%20a%202%20kyu%20.pdf


Ultima modifica di Raffaele il Ven 8 Gen - 11:19, modificato 3 volte
avatar
Raffaele
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 797
Data d'iscrizione : 02.04.09
Località : Livorno

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I gradi nel kendo e una loro breve storia

Messaggio  Raffaele il Lun 12 Ott - 19:40

Nel sito del Saskatoon kendo club si trova un'interessante confronto tra i dan delle varie arti marziali:
E' possibile raggiungere il grado di Shodan nel kendo dopo appena 2-3 anni, ovviamente si è lontani dalla qualifica di istruttore.
Nel Judo invece per divenire Shodan occorrono 8-10 anni, e dopo un tale apprendistato qualche numero per insegnare si ha.
Il karate è una via di mezzo, con 5 anni circa di tempo necessario.

Un altra considerazione interessante nel confronto è l'aspetto esteriore del grado, infatti, diversamente dal karate, judo o ju-jitsu che lo mostrano con il colore delle cinture, nel kendo non c'è un segno estetico in grado di farci riconoscere il grado di qualcuno a prima vista.
Generalmente nei grandi eventi, dove vi saranno molti kendoka di cui non sappiamo nulla, scopriremo il "grado" del nostro avversario solo nel momento in cui incroceremo il nostro shinai con il suo.....
avatar
Raffaele
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 797
Data d'iscrizione : 02.04.09
Località : Livorno

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I gradi nel kendo e una loro breve storia

Messaggio  Raffaele il Ven 8 Gen - 11:25

Vi segnalo un eccellente articolo (in inglese), ad opera di George McCall, riguardante la storia dei gradi nel kendo su kenshi247
avatar
Raffaele
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 797
Data d'iscrizione : 02.04.09
Località : Livorno

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I gradi nel kendo e una loro breve storia

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum