Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Fighting Spirit of Old Japan
Gio 5 Nov - 14:14 Da Raffaele

» Katana Vs Longsword
Mar 31 Mar - 11:48 Da Raffaele

» Kendo e proiezioni
Mer 11 Mar - 3:09 Da Raffaele

» Nito Ryu e Koryu
Mer 11 Mar - 3:05 Da Raffaele

» Filmati vari 2014
Gio 11 Dic - 13:29 Da Raffaele

» Regolamento arbitrale relativo al Nito - Ryu
Gio 11 Dic - 13:12 Da Raffaele

» 106° Kyoto Enbu Taikai (2010) e Kyoto Kendo 2010 Hachidan shinsa
Mar 9 Dic - 13:33 Da Raffaele

» Corso di Iaido a Lucca!
Ven 10 Ott - 1:06 Da Anna

» Stagione 2014-2015: SI RIPARTE!
Mar 2 Set - 15:24 Da Anna

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

Cosa è la sezione di "Yawara" di un koryu?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cosa è la sezione di "Yawara" di un koryu?

Messaggio  Raffaele il Mar 29 Dic - 13:32

Come abbiamo già visto, i koryu erano sistemi marziali completi, ogniuno dotato di un vasto curriculum di discipline che un bushi apprendeva gradualmente man mano che ne approfondiva lo studio.
Tra le discipline insegnate ve ne sono di "intellettuali", come ad esempio il "Gunbai-Heihō" (strategia e tattica), il "Chikujojutsu" (arte delle fortificazione da campo) o il "Tenmon Chirigaku" (divinazione geomantica e astronomia), e di "fisiche".
Queste ultime sono quelle che insegnano l'arte del combattimento vero e proprio, tra queste possiamo trovare kata di kenjutsu (arte della spada, in genere kata in coppia), di Iai (talvolta detto anche battojutsu, ovvero estrazione della spada, in genere kata in solitario), di bōjutsu (il bastone), sōjutsu (lancia), e molte altre, tra cui le tecniche di Yawara o combattimento a mani nude.
Yawara (柔 o 和 "leggerezza") o taijutsu (体術 "arte del corpo") sono due termini antichi per indicare ciò che in nel diciassettesimo secolo sarà indicato anche come jujutsu o judo (il termine non lo ha inventato Jigoro Kano, ovviamente sono però due cose diverse).
Lo stile di combattimento a mani nude giapponese nasce in modo diverso da quello di altre tradizioni marziali. Infatti tutte le tecniche dei koryu più antichi, a prescindere dall'arma utilizzata, sono figlie dell'applicazione diretta sul campo di battaglia, e a questa "legge", il combattimento a mano nuda non fa eccezione. Nei periodi antecedenti l'epoca Edo lo scontro fra due guerrieri sarebbe stato in armatura, e poichè è facile intuire come colpire con un pugno un elmo o con un calcio un pettorale sia un atto controproducente, risulta altrettanto semplice comprendere perchè le tecniche del tempo si basassero principalmente su prese e proiezioni, con colpi/immobilizazioni e strangolamenti da portare all'avversario solo dopo averlo gettato a terra. Inoltre, giacchè le varie porzioni di curriculum non erano "stagne", non è raro trovare tecniche di yawara portate tramite armi, come ad esempio spade o lance. Dunque Yawara implica generalmente stili/tecniche nate in epoca Sengoku o precedente.

Con l'avvento del periodo Edo l'uso delle armature durante i combattimenti scompare, conseguentemente la tecnica si adegua introducendo nello stile di combattimento gli atemi (colpi ai punti vitali) da portarsi con calci, pugni ecc, integrandola con la parte di presa e proiezione che in genere rimane prioritaria.
Generalmente ci si riferisce a questi stili come Edo Jūjutsu.

Con fine del periodo Tokugawasi si ha la linea di demarcazione tra koryu (scuole antiche) e ryu moderni.
Infatti gli stili di jujutsu nati dopo il 1868 (anche fuori dal Giappone) sono detti Gendai Jujutsu ryu, quali a titolo di esempio, l' Hakkō-ryū Jujutsu (fondato 1941) o il Brazilian Jiu-Jitsu (prima metà del novecento). Per valutare l'efficacia di questi sistemi di combattimento consiglio a chi fosse curioso di vedersi qualche video di Royce Gracie, maestro di Brazilian Jiu-Jitsu e tre volte vincitore dell'Ultimate Fighting Championship (UFC) negli anni '90.

Riepilogando potremmo dire che, per via della loro genesi, i sistemi marziali giapponesi (yawara/jujutsu), rispetto ad altre tradizioni marziali quali il karate (nato ad Okinawa) o il kenpo/kung fu (di origine cinese), prestano una particolare enfasi alla parte di presa/bloccaggio/proiezione rispetto agli atemi, sui quali invece si focalizzano i secondi (il grado di prevalenza dipende molto dal singolo ryu).

Esempio di Yawara waza: Tecnica di Yawara del Tatsumi-ryu, eseguita da Yamada Ichiro e Kanke Keiichi.



Proiezione di Taijutsu (stile sconosciuto)

Raffaele
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 797
Data d'iscrizione : 02.04.09
Località : Livorno

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum