Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Fighting Spirit of Old Japan
Gio 5 Nov - 14:14 Da Raffaele

» Katana Vs Longsword
Mar 31 Mar - 11:48 Da Raffaele

» Kendo e proiezioni
Mer 11 Mar - 3:09 Da Raffaele

» Nito Ryu e Koryu
Mer 11 Mar - 3:05 Da Raffaele

» Filmati vari 2014
Gio 11 Dic - 13:29 Da Raffaele

» Regolamento arbitrale relativo al Nito - Ryu
Gio 11 Dic - 13:12 Da Raffaele

» 106° Kyoto Enbu Taikai (2010) e Kyoto Kendo 2010 Hachidan shinsa
Mar 9 Dic - 13:33 Da Raffaele

» Corso di Iaido a Lucca!
Ven 10 Ott - 1:06 Da Anna

» Stagione 2014-2015: SI RIPARTE!
Mar 2 Set - 15:24 Da Anna

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

Riflessioni sul Kendo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Riflessioni sul Kendo

Messaggio  antonio giardina il Sab 21 Nov - 0:51

Il Kendo, la dimensione spirituale

Il Kendo deve essere corretto non solo dal punto di vista tecnico ma anche per cià che riguarda il suo scopo ultimo.

Nel 1971 sono stati deviniti gli scopi del Kendo che sono la formazione della personalità dell’individuo la sua realizzazione a livelo sociale. Importante è dunque l’impostazione spirituale, che è fondamentale per il modo di condurre gli allenamenti.

Nell’allenamento del Kendo esistono tre punti principali:

1.TO: ovvero, come adoperare la Katana
2.SHIMPO1: l’apprendimento somatico che interessa l’uso del corpo
3.SHIMPO2: l’apprendimento di cuore.
Questi tre punti devono fondersi.

Altro aspetto importante del Kendo è che dobbiamo fare ciò che deve essere fatto. La pratica autentica si fonda sull’impegno autentico rivolto anche all’ottenimento della pace nel mondo.

Il kendo può quindi essere riassunto in sudore e pace nel mondo

Il Kendo, come hanno vouto farci capire i Maestri allo stage, è un dialogo fra due persone che sinceramente cercano la crescita morale/spirituale in ogni ambito, e che nel Kendo trovano una solida base per perseguire tale via, per questo bisogna darsi completamente alla pratica senza riserve o remore.

Durante il keiko bisogna capire le lacune dell’avversario ed evidenziarle, con sincerità di intenti, senza orgoglio o superbia, vincendo le nostre paure e remore senza pensare all’esito del combattimento, grati all’avversario sia che ci abbia permesso di mostrargli le sue debolezze, o che ci abbia mostrato le nostre, e così si cresce entrambi in ogni aspetto sociale.

Per questo i Maestri hanno detto, non importa se si vince o se si perde, ma come si vince o si perde. Diventa inutile dutante la pratica parate solo per parare, affrontare l’avversario con violenza e prepotenza, e cercare con tutti i mezzi di vincere, è come nascondere a noi stessi quello che veramente siamo.

Bisogna fare il miglior Kendo di cui siamo capaci, sincero al 200% senza remore e senza riserve o paure, non lasciando dietro niente di noi stessi quando si attacca, solo così si cresce interiormente e si assapora appieno la pratica del Kendo.


Queste riflessioni sono state riportate dal forum del CUS Genova che ha organizzato gli ultimi esami. Mi sono piaciute e le ho pubblicate nella speranza che possano interessare ed essere condivise. Very Happy

antonio giardina

Numero di messaggi : 137
Data d'iscrizione : 03.04.09
Età : 64
Località : Livorno

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum